Olio Evo: cosa significa e come usarlo negli impasti della pizza

olio evo negli impasti della pizza

L’olio extravergine d’oliva, spesso chiamato “Olio Evo”, è un ingrediente simbolo dell’arte culinaria italiana soprattutto nella dieta mediterranea. Questo liquido è apprezzato per il suo gusto ricco e i benefici per la salute. Ma cosa indica esattamente il termine “olio extravergine d’oliva”?

In questo articolo, parleremo di come usarlo negli impasti della pizza. Ma non solo, spiegheremo come si produce e le caratteristiche che lo distinguono.

La definizione di “Olio Evo”

Raccolta olive

Il termine “extra vergine” potrebbe suonare come un linguaggio da chef stellato, ma in realtà è più semplice di quanto sembri. Significa che l’olio è stato ottenuto dalla prima spremitura a freddo delle olive, senza l’aggiunta di sostanze chimiche o il coinvolgimento di alte temperature. In poche parole, è l’olio ottenuto nel modo più naturale e puro possibile.

Inoltre, così facendo, si preservano tutte le caratteristiche naturali dell’olio stesso, tra cui il gusto, l’aroma e le proprietà nutrizionali.

Le caratteristiche distintive dell’olio Evo

olio evo

L’olio Evo si distingue per alcune caratteristiche chiave che lo rendono unico.

Per prima cosa il colore e l’aspetto scatturano subito l’attenzione. L’olio Evo varia dal verde intenso al dorato, a seconda delle olive utilizzate. La sua consistenza può variare da limpida a leggermente torbida.

Poi un altro indizio viene dall‘odore e dal sapore. Il profumo fresco e fruttato, spesso con note erbacee, è una firma dell’olio Evo. Il suo sapore può variare da fruttato e dolce a piccante e amaro. Questo dipende molto dalle olive e dal terreno in cui sono cresciute.

I valori nutrizionali dell’olio extra vergine di oliva possono variare leggermente a seconda del produttore e della regione di produzione. In generale l’olio Evo è ricco di antiossidanti e acidi grassi monoinsaturi. Tuttavia è noto anche per i suoi benefici per la salute cardiovascolare.

Attenzione alle truffe!

Negli ultimi anni, sono emerse numero truffe al riguardo. Dal mercato sono stati ritirati molti prodotti che nelle etichette recitavano delle dichiarazioni false.

Come essere sicuri che si tratti davvero di vero olio Evo? Leggere le etichette e controllare la provenienza è sicuramente fondamentale. Le etichette possono contenere dichiarazioni fuorvianti o termini come “puro” o “naturale”, che non indicano necessariamente la qualità dell’olio. Anche i sigilli di qualità sono importanti perché certificano le caratteristiche e le peculiarità dell’olio in questione.

Controllare la provenienza, l’olio Evo di qualità proviene da regioni rinomate per la produzione di olive, come l’Italia, la Spagna e la Grecia. Tuttavia, alcune truffe coinvolgono olio proveniente da altri paesi e venduto come prodotto italiano.

Un prezzo sospetto? Sì, è vero. L’olio extravergine di oliva di alta qualità ha un costo più elevato rispetto a quello di qualità inferiore. È consigliabile acquistarlo da fonti affidabili, come negozi specializzati e produttori locali.

La produzione dell’olio Evo

produzione dell'olio

La produzione dell’olio Evo segue un rigoroso processo che inizia con la raccolta delle olive. Dopo la raccolta, le olive sono lavate per rimuovere eventuali residui di terra.

Successivamente, si passa alla loro macinazione. Si macinano in una pasta che viene pressata per estrarre tutto l’olio. La pasta così ottenuta viene centrifugata per separare l’acqua dagli oli, dando vita all’olio Evo puro.

L’Olio negli impasti della pizza

olio evo sulla pizza

Adesso che abbiamo chiarito come si ottiene l’olio Evo, è il momento di capire come si usa negli impasti. L’olio Evo è una componente essenziale in molte preparazioni culinarie, tra cui gli impasti per pizza. La sua presenza conferisce un sapore distintivo. Contribuisce anche alla conservabilità dell’impasto.

Ecco come si usa in pizzeria:

  1. Miglioramento del gusto: l’olio Evo aggiunto in percentuali che vanno dal 3% al 5% dona un tocco di ricchezza e sapore alla pizza. La sua presenza può essere più evidente dal colore della crosta. Può contribuire a una consistenza più friabile e aromatica.
  2. Gestione dell’impasto: l’olio Evo si aggiunge sempre alla fine, quando l’impasto della pizza è ben formato. Questo aiuta a renderlo più elastico e maneggevole.
  3. Creazione di una pizza croccante: l’aggiunta di olio Evo può accentuare una cornicione più croccante all’esterno e morbido all’interno. Questa caratteristica è apprezzata da molti amanti della pizza.
  4. Armonizzazione dei sapori: con la sua complessità di gusto, può anche complementare gli altri ingredienti della pizza, contribuendo a un equilibrio di sapori che eleva l’esperienza gastronomica complessiva.

In conclusione, l’olio Evo è molto più di un semplice condimento. È un elemento chiave nella cucina, portando con sé secoli di tradizione e cultura culinaria. Comprenderne il significato arricchisce la conoscenza culinaria e ad esplorare nuovi orizzonti di gusto.

Condividi su:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Seguici su:

Ti abbiamo incuriosito?

Contattaci per ricevere una consulenza specialistica, partnerships, collaborazioni o semplici curiosità.

Contenuti

Novità

Articoli Suggeriti

Prenota qui il tuo Consulente Pizzaiolo!

Benvenuto nel modulo di prenotazione, seleziona il giorno e poi l’orario più comodo.

Il pagamento verrà corrisposto dopo l’erogazione del servizio.

IN REGALO

la Guida sul Lievito Madre!
59
  • Assistenza personalizzata;
  • Supporto one to one;​
  • Zero spese di spostamento;
  • Risparmio di tempo e denaro;​
  • Scegli tu l’orario e il giorno.
Popolare

Benvenuto nel modulo di prenotazione, seleziona il giorno e poi l’orario più comodo.

ECCO UN REGALO
PER TE!

Compila il form per ricevere subito la guida sul Lievito Madre!