Pizza proteica: ecco i consigli per realizzarla

Pizza proteica

La pizza proteica, è un must per gli amanti del fitness che non intendono rinunciare alla loro forma. Al contrario, la pizza tradizionale rappresenta da sempre un alimento ad alto contenuto di carboidrati e dunque poco adatto a una dieta “fit”.

Con il tempo però, anche il mondo della pizza ha subito delle evoluzioni, sono nate negli ultimi anni, delle varianti che rispondono alle svariate esigenze. Stiamo parlando delle pizze “low carb” cioè con pochi carboidrati. Ne avete mai sentito parlare?

Si tratta di una vera e propria rivoluzione, la pizza proteica sta avendo molti assensi, soprattutto per quei consumatori finali che hanno delle pretese sempre più alte. Abbiamo parlato di come realizzare una pizza senza glutine, oggi spiegheremo come realizzare una pizza proteica a basso contenuto glicemico.
Dunque, se ti interessa l’argomento, continua a leggere questo articolo fino alla fine.

Cos’è la pizza proteica

La pizza proteica, come dice il nome stesso, è una pizza che contiene un alto contenuto di proteine e un alto valore nutrizionale. Si tratta di un variante molto apprezzata, nata soprattutto per accontentare non solo le esigenze degli sportivi, ma anche coloro che soffrono di diabete.

Ma qual è la caratteristica principale di una pizza proteica rispetto le altre?
Andiamo per gradi, innanzitutto, questa tipologia di pizza dev’essere realizzata con una miscela di farine con un basso contenuto glicemico.

In passato, sul nostro blog abbiamo parlato di come utilizzare la farina di segale per la pizza spiegando che, quest’ultima, è proprio una valida soluzione!

Come realizzare un impasto proteico

impastare la pizza a mano

Le farine sono ricche di proteine vegetali, basti pensare che, i cereali, rappresentano la fonte più grande nell’alimentazione quotidiana. Quelle di frumento, contengono al loro interno una quantità che va dal 7% al 18%, a seconda delle loro caratteristiche, mediamente ne contengono il 12%.

Se vuoi ottenere un risultato ottimale e il più possibile fedele ad una classica pizza, ti consiglio di partire sempre da una farina di tipo 1. Essa contiene una minima parte di crusca, ovvero la parte esterna del chicco di grano, la quale è piuttosto povera di calorie.

Quest’ultima aiuta a ridurre l’assorbimento degli zuccheri ed è una valida alleata anche in caso di colesterolo alto e per i soggetti diabetici.

In sintesi, più è alta la quantità di farina integrale maggiore sarà la percentuale di proteine, fibre e sali minerali. Per accentuare queste caratteristiche, volendo, nell’impasto si possono aggiungere altre farine poco raffinate come quella di farro, canapa o avena.

Altri ingredienti che dovresti tenere in considerazione

L’INULINA è un tipo di fibra che si trova in polvere, viene impiegata come integratore alimentare ed è un prodotto utilizzato generalmente per la preparazione di torte, muffin e pasticceria dolce e salata. L’inulina può aiutare a perdere peso poiché è un inibitore dell’appetito e prolunga il senso di sazietà.

LA FIBRA DI ACACIA è una fibra naturale idrosolubile con una spiccata azione sul transito intestinale, si impiega anche nei prodotti da forno. Aiuta ad espellere tutte le tossine che si depositano nel sistema digerente. Il suo impiego non altera il gusto perché si tratta di un elemento insapore.

Impiega questi elementi in piccole dosi nel tuo impasto per ottenere un risultato sempre più “fit”.

Vuoi saperne di più sulla pizza proteica?

Grazie a questo articolo, hai imparato come realizzare una pizza proteica e a basso contenuto calorico.
Se vuoi approfondire l’argomento, ti consiglio di richiedere subito una consulenza specialistica, potrai scegliere tu il giorno e l’ora che preferisci.

In questo modo, avrai l’opportunità di essere seguito passo dopo passo per raggiungere l’obbiettivo di accrescere le tue competenze in materia.

In alternativa, se preferisci, puoi seguire uno dei nostri corsi sulla pizza, così da poterli frequentare in completa autonomia in base al tempo che hai a disposizione.

Qualsiasi sia la tua scelta, potrai apprendere tutte le nozioni e i segreti di un pizzaiolo professionista!

Condividi su:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Seguici su:

Ti abbiamo incuriosito?

Contattaci per ricevere una consulenza specialistica, partnerships, collaborazioni o semplici curiosità.

Contenuti

Novità

Articoli Suggeriti

La pizza è italiana oppure è americana?

La pizza è italiana o americana?

Chiedersi se la pizza sia italiana o americana potrebbe apparire strano, visto che noi abbiamo sempre considerato questo piatto come proveniente dalla nostra tradizione. Se

Hai bisogno di una mano? Prenota la tua Consulenza Specialistica!

Benvenuto nel modulo di prenotazione, seleziona il giorno e poi l’orario più comodo.
Il pagamento verrà corrisposto dopo l’erogazione del servizio.

Il pagamento verrà corrisposto dopo l’erogazione del servizio.

Consulenza

SPECIALISTICA
99
69
  • Assistenza professionale personalizzata;​
  • Supporto one to one;​
  • Nessuna spesa di spostamento;​
  • Risparmio di tempo e denaro;​
  • Scegli tu l’orario e il giorno​
Popolare

Benvenuto nel modulo di prenotazione, seleziona il giorno e poi l’orario più comodo.

ECCO A TE
UN REGALO!

Iscriviti per ricevere subito la guida gratuita su come creare e gestire il lievito madre!